Torta di rose salata alla pizzaiola

Ormai non aspetto che le occasioni per poter preparare quacosa di buono e diverso che però mangeranno gli altri,  vedere visi felici e soddisfatti al momento mi  basta!

Sabato sera una piccolissima cena con quattro amici , un pò di chiacchiere, un pò di allegria, una cosa per uno  da preparare pur di stare insieme ed ecco la mia preparazione , una torta di rose soffice e gustosa che ogni volta fa conquiste.

Un pò un cavallo di battaglia questo impasto che si declina in mille modi e diventa oggi una torta di rose, poi un danubio, dopo ancora  pizzette, rosticceria in genere e  quando sono di fretta, o a corto di idee,perchè capita anche a me ,ed  ho bisogno di una garanzia senza assaggio uso questa ricetta e metto tutto in planetaria.

Parte la macchina con la sua spirale e dopo pochi minuti senza sbattimenti il nostro impasto è pronto per essere usato in mille modi e saranno mille successi.

Rimpiango le cene luculliane con ogni ben di Dio , le tavolate, i tanti assaggi , ma il primo lock down ha fatto non pochi danni ed in questo , sperando sia l’ultimo rimedio prima delle nuove riaperture e di cenette al ristorante .

Non solo io a dieta, ma anche tutte le mie amiche, anche sorelle e figli e quindi si centellinano le preparazioni golose , ma l’occasione tutto sommato per quanto meno frequente non manca  e poi ci sono le preparazioni su richiesta ed ho modo di divertirmi un pò in cucina.

Questa torta di rose ha il  gusto semplice della pizza , ne ha il gusto e l’aroma con mozzarella, salsa, origano e prosciutto ed è andata a ruba proprio perché un giusto compromesso per il sabato sera e non rinunciare ai sapori che amiamo e ci fanno compagnia il fine settimana.

Spesso nella semplicità si nasconde il successo e si va sul sicuro.

Vi lascio la mia ricetta , fatemi sapere se vi è piaciuta e ricordate di taggarmi sui social con le mie ricette!

Print Recipe
Torte di rose salata alla pizzaiola
Soffice, morbida, saporitissima con la sua farcitura al gusto pizza. Mozzarella, pomodoro, prosciutto e tanto origano per un gusto fresco ed accattivante e per non fare la solita pizza.
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 35 minuti
Tempo Passivo 3 ore
Porzioni
teglia da 26 cm
Ingredienti
Ingredienti impasto
  • 400 g di farina 0
  • 100 g di farina 00
  • 150 g di latte
  • 80 g di acqua
  • 12 g di lievito di birra
  • 25 g di zucchero
  • 50 g di strutto o burro
  • 10 g di sale
Farcitura
  • 250 g di mozzarella
  • 150 g di prosciutto cotto
  • 100 g passata di pomodoro
  • q.b. di sale
  • q.b. di origano
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 35 minuti
Tempo Passivo 3 ore
Porzioni
teglia da 26 cm
Ingredienti
Ingredienti impasto
  • 400 g di farina 0
  • 100 g di farina 00
  • 150 g di latte
  • 80 g di acqua
  • 12 g di lievito di birra
  • 25 g di zucchero
  • 50 g di strutto o burro
  • 10 g di sale
Farcitura
  • 250 g di mozzarella
  • 150 g di prosciutto cotto
  • 100 g passata di pomodoro
  • q.b. di sale
  • q.b. di origano
Istruzioni
Preparazione impasto
  1. Inserire nella ciotola della planetaria tua la farina,latte, acqua, lievito, zucchero ed avviare l'impasto con spirale.Con impasto parzialmente incordato aggiungere il sale e lo strutto o il burro a pezzetti ed incordare.
  2. Con l'impasto incordato, morbido e vellutato raccogliere e rincalzare poggiando in un contenitore coprendo con pellicola ed attendere il raddoppio che avverrà in circa 2 ore
Formatura
  1. Stendere l'impasto formando un rettangolo , stendere le fette di prosciutto e la mozzarellaìben asciutta tritata con la passata e condita con sale ed origano. Arrotolare dal lato lungo stringendo e sigillare in chiusura pizzicando i bordi.
  2. Tagliare con un coltello con lama affilata a cinque cm e poggiare in teglia distanziando leggermente , coprire con pellicola ed attendere in raddoppio. Potrete poggiare dopo la lievitazione al centro di ogni fiore mezzo pomodorino spingendo per inserirlo , cuocere in forno preriscaldato a 200° statico per 35 minuti circa.
  3. Ottimo appena sfornata, potrà però essere preparata con qualche ora di anticipo riscaldando leggermente al momento di portare in tavola.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *