Soffice brioche alla panna e vaniglia

Un’altra brioche? si un’altra brioche perché amo le consistenze soffici ed i sapori delicati ed il profumo e l’aroma della vaniglia che prevale la casa già durante l’impasto, per non dire poi in cottura!

La mia vaniglia è speciale lo confesso, bacche grosse e carnose acquistate proprio in una piantagione di vaniglia durante un viaggio estivo e devo dire che maneggiandola , odorando quelle bacche rivivo quei bellissimi momenti vacanzieri e romantici.

I paesi lontani ed esotici sono ricchi di sensazioni e di odori e la natura prepotentemente avvolge tutto e più forti sono i colori, più rossi i tramonti, nell’aria è forte odore di spezie e di fiori e di piante e nella piantagione toccare quelle delicate piantine così preziose per l’economia locale e così apprezzata da noi che sappiamo di quali magie sia capace nei nostri lieviati è stata un’emozione.La signora che aveva il suo banchetto davanti vendeva di tutto, certo non ha regalato niente, ma vuoi mettere comprare dal produttore al consumatore? ovviamente non è stata solo vaniglia, ma curcuma, curry, e spezie più o meno conosciute ancora da provare, avrò un bel da fare!

L’ho conservata spettando natale e la magia dei grandi lievitati, ma non vedevo l’ora di provarla ed ecco una brioche vanigliata per cominciare.

Ovviamente si può fare con la vaniglia che si acquista dal solito negozio, ma che non sia vanillina vi prego , non sia quel sapore pungente, chimico  e prepotente.

Quindi con una buona bacca di vaniglia o con dell’estratto provate questa brioche meravigliosamente soffice e fatemi sapere!

Print Recipe
Soffice brioche alla panna e vaniglia
Una brioche soffice soffice e delicata che profuma di panna di vaniglia che può diventare un bauletto, un danubio,o singole brioscine. Al naturale o accompagnata da confetture si conserva per tanti giorni morbida e gustosa.Un impasto diretto e che richiede qualche attenzione nella preparazione , ma vi gratificherà enormemente e sarà un successo!
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 3 ore
Porzioni
12 porzioni
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 3 ore
Porzioni
12 porzioni
Istruzioni
  1. Qualche ora prima di cominciare l'impasto, aprire la bacca e raschiare i semini nel latte caldo e lasciare in infusione .Filtrare con un passino con maglie strette il latte.
  2. Inserire la farina nella ciotola della planetaria ed aggiungere il latte dove avremo sciolto il lievito con il miele.
  3. Unire la panna fredda di frigo e far assorbire, unire metà dell'uovo leggermente battuto con metà dello zucchero e far assorbire e leggermente incordare.
  4. Unire l'altra metà dell'uovo con il restante zucchero ed incordare bene l'impasto che si deve raccogliere sulla foglia e si deve presentare ben liscio e lavorato.
  5. Unire il burro morbido , ma non in pomata, a fiocchetti nell'impasto avendo cura che sia assorbito prima dei successivi inserimenti. Unire con i primi inserimenti il sale .
  6. Ribaltare qualche volta l'impasto con il tarocco ripulendo bene le pareti della ciotola.
  7. Fare la prova del velo tirando l'impasto ed allungando il lemo se si tende fino a diventare trasparente l'impasto è pronto.
  8. Raccogliere e poggiare in ciotola fino al raddoppio. Al raddoppio versare l'impasto in spianatoia leggermente spolverata di farina e fare una piega a tre con la chiusura sotto far riposare 15 minuti prima di procedere alla formatura.
  9. Tagliare 8 pezzetti da 60g e 8 da 30 g , pirlare le palline e disporre in teglia da 24 cm con carta forno. Distanziare le palline tra loro disposte a raggiera, le grandi vicino ai bordi della teglia, le piccole tra gli spazi più verso l'interno perché rimanga un bel cerchio interno porre al centro una tazza così delimiterà la circonferenza interna.
  10. Coprire con pellicola ed aspettare il raddoppio, circa 90 minuti.
  11. Spennellare con pari peso tuorlo e latte e cospargere di granella di zucchero.
  12. Infornare in forno a temperatura a 180° statico er circa 30 minuti
  13. Sfornare la brioche chiara er non pregiudicare la morbidezza.
  14. E' possibile anche impastando la sera fare maturare in frigo l'impasto per esaltare morbidezza, durata e profumo.Basterà l'indomani togliere dal frigo e far acclimatare, poi formare e procedere come sopra. Il tempo perché l'impasto torni malleabile dipende dalla temperatura esterna, ma considerate almeno 90 minuti, poco più poco meno.

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *