Graffe di patate del ricordo

Print Recipe
Graffe di patate del ricordo
I Krapfen approdarono in Italia, o meglio a Napoli, alla fine del XVIII secolo italianizzate divennero "graffe" facendo di Napoli la seconda patria.Un impasto ricco con farina, uova, patata lessa, zucchero che vengono fritte e ricoperte di "zucchero e sono di una golosità esagerata.Una volta erano dolci tipici del carnevale ora si apprezzano e gustano in ogni periodo dell'anno a buona ragione e vengono vendute ovunque , ma noi preferiamo farle a casa!
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 3 minuti
Tempo Passivo 3 ore
Porzioni
20 graffe
Ingredienti
  • 500 g di farina w 330
  • 140 g di latte
  • 12 g di lievito compresso
  • 80 g di zucchero
  • 200 g di patata lessa
  • 100 g di burro
  • 3 di uova intere
  • 1/2 di limone solo zeste
  • 8 g di sale
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 3 minuti
Tempo Passivo 3 ore
Porzioni
20 graffe
Ingredienti
  • 500 g di farina w 330
  • 140 g di latte
  • 12 g di lievito compresso
  • 80 g di zucchero
  • 200 g di patata lessa
  • 100 g di burro
  • 3 di uova intere
  • 1/2 di limone solo zeste
  • 8 g di sale
Istruzioni
  1. inserire nella ciotola della planetaria il latte, il lievito, lo zucchero e far sciogliere,Aggiungere la farina e cominciare l'impasto aggiungendo un uovo alla volta mentre si procede con l'impasto facendo assorbire ,
  2. con l'impasto incordato ed abbastanza lavorato inserire il sale ed in burro s pezzetti incordando bene, in ultimo aggiungere gli aromi e chiudere l'impasto.
  3. raccogliere e porre in ciotola e far lievitare senza però aspettare il raddoppio. Stendere l'impasto a 1 cm , compare con l'apposito stampo da 8 cm e poggiare man mano su carta forno.Coprire con pellicola e far lievitare circa trenta minuti .Rirtagiare la carta forno per immergere in olio caldo ìa 170° facendo dorare uniformemente.
  4. scolare ed adagiare su carta assoìbente poi rigirare nello zucchero semolato.
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *