Polpette di neonato

Una delizia di pesce siciliana, le polpette di neonato o “nannatu” che altro non sono che i pesci appena nati di varie specie .

Non si possono gustare sempre perchè per permettere la riproduzione ci sono mesi e mesi di fermo biologico dove è vietato pescarlo e venderlo, pena multe salatissime ed è assolutamente giusto così.Ma in quel periodo dell’anno in cui è possibile acquistare questa specialità non posso tirarmi indietro perchè si preparano delle polpette rigorosamente fritte che ne esaltano modo incredibile il gusto.

Ci sono anche altre preparazioni da fare con il “nannatu” come la pasta con il neonato o semplicemente crudi ed abbattuti, ma io devo ammettere li amo solo così poiché non mangio assolutamente il crudo ne di pesce ne di carne.

Conoscete questa specialità? è solo siciliana o è conosciuta altrove?Fatemi sapere perchè io possa aprire i miei orizzonti!Intanto vi lascio la ricetta e se vi piace lasciate un commento

Print Recipe
Polpette di neonato
Le polpette di neonato sono in realtà delle deliziose frittelle o frittatine che esaltano il gusto del pesce e del mare . Semplicissime da preparare il requisito è la assoluta freschezza del pesce per la buona riuscita del piatto,
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 3 minuti
Porzioni
25 polpette circa
Ingredienti
  • 500 g di neonato
  • 3 di uova
  • 2 cucchiaino di pangrattato
  • 40 g di pecorino grattugiato facoltativo
  • q.b. di prezzemolo
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 3 minuti
Porzioni
25 polpette circa
Ingredienti
  • 500 g di neonato
  • 3 di uova
  • 2 cucchiaino di pangrattato
  • 40 g di pecorino grattugiato facoltativo
  • q.b. di prezzemolo
Istruzioni
  1. Rompere le uova direttamente nella ciotola del pesce, aggiungere il pecorino, il prezzemolo ed il pangrattato e mescolare.
  2. Far riscaldare una padella con olio di semi abbondante che deve quasi coprire le polpette.Con un cucchiaio prendere e versare nell'olio bollente far rassodare e poi girare le polpette finche non saranno ben cotte e dorate. Poggiare su carta assorbente per far assorbire l'eccesso di unto.Preferibilmente da mangiare calde.
ù

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *