Peperoni in agrodolce “ammuddicati”

Peperoni in agro ammuddicati

By 13 Luglio 2017

Come son buoni i contorni estivi, come son buoni i peperoni  che per me diventano più  che un contorno, diventano quasi un piatto unico con del  buon pane!
Probabilmente la ricetta la conoscete tutti, come ho detto altre volte  pubblico anche ricette della mia cucina giornaliera, non ricette preparate per occasioni speciali, ricette semplici  che  trovo particolarmente gustose e saporite, vi risparmio le banalità della pasta prosciutto e piselli o della pastina con il formaggino, semplicemente vi metto al corrente di qualcosa di un pò più saporito.
Una ricetta fa  un pò parte della tradizione siciliana per la presenza di elementi fissi della nostra cucina, uvetta, pinoli ,mollica ed il famoso agrodolce....

pochi elementi ed è Sicilia...non dico che è una tipicità...ormai se si rivendica la tipicità nascono mille polemiche ed eccezioni...ognuno conosce il Verbo e la Verità che  non combaciano  mai con quello di nessun nessun altro!
Dico solo preparo così a casa mia...risento delle mie tradizioni, risento dei ricordi e di cose buone preparate dalle amiche, dalla mamma, il ricordo di certi ristorantii...faccio un mix di ricordi  ed ecco i peperoni ammuddicati  come li preparo a casa mia!

Ingredients

Instructions

Lavare e tagliare i peperoni a rondelle privandoli prima di gambo e semini.
In una capiente padella inserire  olio ed un goccio d'acqua ed aggiungere i peperoni girando bene e coprire con coperchio per i primi 10 minuti.

Togliere il coperchio far asciugare l'acqua altri 10 minuti ed aggiungere l'agrodolce che si prepara mescolando in un bicchiere aceto e zucchero.
Versando l'agrodolce alzare la fiamma e girare bene i peperoni per qualche minuto e prolungare la cottura di qualche minuto.

Aggiungere il sale, l'uvetta ammollata con acqua ed i pinoli.
Aggiungere il pangrattato e rigirare facendo insaporire il tutto.
Servire a temperatura ambiente  e solo dopo qualche ora dalla cottura acquisteranno gusto e sapore.

Print

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Vota*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *