Pangoccioli fior di latte

Pangoccioli fior di latte

By 27 Ottobre 2017

bella copiaprimo piano copiaaperto copiaNelle ricette dei Fables de Sucre si comincia sempre con "c'era una volta...."e si procede con una narrazione favolosa delle loro preparazioni che favolose lo son proprio a prescindere dal "c'era una volta"!

Di   questa sofficissima ed arcinota brioche io ne ho fatto brioche e ne ho fatto deliziosi pan goccioli.

Soffici a lungo, morbidi e delicati sono un'ottima colazione come pure la merenda ideale dei più piccoli, ma non c'è bisogno di avere bimbi in casa per prepararli perché davanti ad un buon dolce o una preparazione  golosa si torna tutti bambini e si allunga la mano e con gioia si affonda il morso.

La soddisfazione di un dolce casalingo non ha eguali!

Non bisogna per forza esibirsi in performance speciali o dolci dal grande effetto scenico o cercare preparazioni elaborate, perché la semplicità molto spesso è l'arma vincente nella quotidianità della nostra cucina, fatta di profumi , odori e sapori di casa. Qui profumo che si spande ed arriva nel pianerottolo di casa mentre il nostro dolce è in forno e fa pregustare a chi entra in casa momenti di piacere e di condivisione e di sorrisi d'apprezzamento e ci rende orgogliosi d'essere l'artefice di questo benessere!

I pangoccioli sono un grande classico della nostra colazione, eppure tentano come poche cose sia gli adulti i che bambini!

Io vi lascio questa ricetta Fables che per aver già provato, ho leggermente modificato  aumentando leggermente  lo zucchero ed aromatizzato e con le gocce di cioccolato rendendola perfetta per i gusti di casa, vi lascio la ricetta, voi riscaldate i motori che partiamo...

 

Ingredients

Instructions

Prima di procedere all'impasto vero e proprio bisogna aver rinfrescato il lievito madre che deve in tre ore essere raddoppiato.

Inserire il planetaria le farine ed il L.M. a pezzetti e far girare con il gancio creando uno sfarinato, quando lo avremo ottenuto cominciare ad inserire il latte dove avremo sciolto il miele.

Ad impasto liscio, inserire i tuorli pian piano facendoli assorbire del tutto prima dei successivi inserimenti.

Quando l'impasto si presenterà liscio e ben lavorato inserire gradatamente lo zucchero dove avremo miscelato i semi della mezzza bacca di vaniglia e poi il latte in polvere,  che se non reperibile possiamo omettere, è solo un insaporitore, io però polverizzo una galatina le classiche caramelle al latte.

Continuare nell'impasto  ed inserire a questo punto il burro a pezzetti morbidi pian piano, ogni fiocchetto di burro deve essere assorbito prima di inserire il successivo, con l'ultimo  burro inserire il sale.

L'impasto deve essere lucido, morbido e non appiccicoso.

 

In ultimo inserire le gocce di cioccolato surgelate facendo distribuire in maniera uniforme, non eccedere nella  lavorazione , quel tanto che basta per inserire.

Ribaltare l'impasto in spianatoia e con l'aiuto del tarocco formare una bella palla, pirlare per bene e poggiare  in ciotola sigillando con pellicola e porre  in frigo,  ora  abbiamo due strade:

o dopo un ora si esce dal frigo l'impasto  e  formiamo  mettendo direttamente a lievitare

o lasciare  in frigo fino a 12 ore, poi togliere  l'impasto, far acclimatare a seconda della temperatura esterna almeno due ore prima di procedere alla formatura  e far lievitare.

per la formatura. fare con l'impasto un filone e dividere in 14 pezzi da 85 g circa , arrotondare e pirlare ognuno di questi pezzi formando delle sfere, poggiare in teglia coperta da carta forno ,coprire e far lievitare  ci vorranno circa dalle 6 alle 9 ore a 28°C  , la lievitazione con L.M. richiede tempi lunghi ed un calduccio stabile, ma verrete ripagati da tanta attesa da un risultato straordinario per morbidezza e durata .

 

Pennellare con pari peso di tuorlo e latte s ed infornare a 165° C modalità statica per 20 minuti circa.

Per chi non fosse provvsto di lievito madre ci sono due possibilità

o un impasto diretto con 5 gr di lievito di birra da mischiare alla farina da subito

o la preparazione di una biga :

60 gr di farina forte (tipo manitoba)
30 gr di acqua
1/2 gr di lievito di birra
La  biga va preparata il giorno prima  mischiando i tre ingredienti in modo  modo  abbastanza grezzo  e lasciando  in ciotola coperta con pellicola per 18 ore a 22°C.

Preparare  la biga alle 8 del mattino per   impastare verso le 14Pm ,poi spezzettare come per la versione con l.m. e procedere come sopra.

SE procedete invece alla classica formatura brioche formare sempre con stessa modalità 14 palline da 85 g e disporre in 2 teglie da 22  distanziando perché lieviteranno parecchio.

Print
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Vota*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *