Pane di semola con licoli cotto in forno

Chi trova un ‘amica trova un tesoro, io di amiche ne ho tante e mi sento ricca, sempre circondata dai buoni consigli delle mie fatine grazie alle quali ho appreso e continuo ad apprendere sempre circa l’arte e la magia del pane.

Ringrazio sempre e mai mi stancherò, Graziella e Giovanna che da schiappa qual’ ero mi hanno fatto crescere, anche di peso lo dobbiamo ammettere, e insegnato a fare il pane .

Con loro non si smette mai di imparare, sono le buone  fate madrine , vi lovvo e lo sapete!

Certo con loro ogni chat è un attentato, il continuo scambio di foto e di impasti una seria minaccia ed una sfida e non riusciamo a smettere di provocarci l’un l’altra  nostante le varie promesse che ci facciamo, poi da quando abbiamo scoperto il licoli siamo come bambine con il giocattolo nuovo …noi ci divertiamo così e ci circondiamo di matte e matti come noi!!

Ma bando alle ciance ed ai lunghi preamboli, oggi vi presento il pane quotidiano, oggi però cotto in pentola…ero talmente deficiente che quando acquistai la prima pentola la comprai con i manici di plastica, e li intervenne il mio grillo parlante, l’adorata Marica a riportarmi alla logica ed alla ragione…insomma senza di loro sarei una frana, ma grazie a loro oggi sforno questo piccolo sole della mia terra.

Qui il pane è tradizionalmente di semola e siamo abituati a sentire il profumo del grano e dei campi ad ammirare il colore del sole anche a tavola ed oggi questo pane tondo tondo, con una crosta super croccante e spessa ed una mollica leggera con una bella alveolatura ordinata ed una notevole idratazione per un pane di sola semola, mi da grande soddisfazione!

La cottura in pentola poi, bella bella, il pane viene perfetto senza vizi e pregiudizi, dei piccoli taglia ad arte lo fanno esplodere ed il risultato finale è questo…ed io direi di tutto rispetto!

Vi lascio alla lettura della ricetta  e vi auguro tanta pani così e che il santo licoli sia con voi!

Print Recipe
Pane di semola con licoli cotto in pentola
Un altro pane che ricorda il sole della mia sicilia per la rotondità ed il colore, nel gusto il sapore dei nostri campi e del nostro grano.Semola in purezza per un sapore ed un profumo unico.Crosta croccante espressa, mollica leggera leggerai pane che io amo
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 55 minutii
Tempo Passivo 18 ore circa a
Porzioni
1 kg
Ingredienti
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 55 minutii
Tempo Passivo 18 ore circa a
Porzioni
1 kg
Ingredienti
Istruzioni
  1. Versare la farina nella ciotola della planetaria ed inserire 600 g di acqua, mescolare per far assorbire l'acqua in maniera omogenea e coprire. Lasciare in autolisi almeno due ore.
  2. Unire il licoli anche di due giorni , cominciare ad impastare con la foglia aggiungendo acqua con il sale sciolto.Portare ad incordatura.
  3. Con l'impasto bene in corda fare riposare 15 minuti e poi dare un giro di pieghe in ciotola per 4 volte ogni 15 minuti.Far lievitare circa 4 ore.
  4. Spolverare con semola la spianatoia versare l'impasto e dare un giro di pieghe a portafoglio, coprire a campana e far rilassare per 20 minuti.
  5. Formare il pane, avvolgere in un canovaccio e lasciare in frigo per la notte. L'indomani prelevare il pane dal frigo lasciare a temperatura ambiente sui 21° per tre ore e accendere il forno 250° facendo arroventare la pentola di ghisa.
  6. Togliere la pentola dal forno poggiare delicatamente il pane sul qualche avremo praticato dei tagli per favorire la lievitazione, chiudere il coperchio e far andare per 25 minuti.
  7. Scoperchiare e proseguire la cottura a 200° per altri 25 minuti.
  8. Togliere il pane dalla pentola e far raffreddare su una gratella.

 

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *