Orecchiette e cime di rapa di mamma

Il richiamo dei piatti della tradizione barese per me, trapiantata da decenni in Sicilia , è irresistibile!

Sono le prime cose che ho assaporato,  poi il trasloco in Sicilia, ma la cucina non è cambiata perché mia madre non si è adeguata minimamente alla cucina siciliana ed ha continuato imperterrita con le “sue” preparazioni incurante delle melanzane fritte, snobbando le sarde ed il tonno, allontanando le siciliane per i panzaerotti,e non provando mai un timballo di anelletti proponendo piuttosto una teglia di patate riso e cozze!

insomma, io mi sono divisa equamente tra le tradizioni baresi e siciliane e sono cresciuta tra i giardini di arance e limoni , ma con il profumo dell’olio pugliese che non è mai mancato sulla nostra tavola!

Ogni viaggio di mio padre, o di parenti, era un carico di focacce, taralli, orecchiette, cime di rape, mozzarelle, ogni ben di Dio arrivava sulla nostra tavola e veniva salutato con cene , pranzi, come un giorno di ringraziamento e del ricordo! Parliamo di anni in cui non c’era una così grande interregionalità come adesso che si trova tutto, anche se di certo non sono i sapori del panificio sotto casa che  sforna i taralli o la focaccia, ma a quelli penso io!

anche le rape che di tanto in tanto si vedono nei banchi del fruttivendolo, ma qui hanno un sapore diverso, non sono “quelle” poco da fare , ma incredibilmente mi trovo davanti ad un grande centro commerciale uno stand pugliese fornito di tutto, dalle rape alle orecchiette alle mozzarelle, ai taralli e faccio incetta , l’olio è arrivato settimana scorsa dall’azienda De Palma di Canosa , insomma non manca niente e mi sento felice come una bambina e per sentirmi ancora più a casa preparo anche una focaccia per accompagnare le mozzarelle, insomma un pranzo di Natale anticipato!

Probabilmente ci sono modi diversi di preparare questo piatto, ma ovviamente io lo preparo come negli anni ho visto fare a mia madre, perché quello che ho imparato della cucina barese arriva dalla sua esperienza  di Barese DOC e mi limito a ripetere i suoi gesti ed i suoi modi.

Mia madre è stata sempre una gran cuoca, ora  la cucina non è in cima ai suoi pensieri, ma è riuscita a trasmettere negli anni un grande amore per la cucina ed ha sempre tenuto vivo il ricordo delle nostre origini ed io vi riporto questa ricetta esattamente come la fa lei, che poi fatta da lei è sempre più buona , questo è un altro discorso che credo abbia radici più profonde di quelle legate alla sfera culinaria si chiama …tocco di mamma!!

Print Recipe
Orecchiette e rime di rapa di mamma
Le orecchiette con le cime di rape insieme alla focaccia, sono le ricette Baresi più tipiche in assoluto, o meglio quelle più conosciute perché le ricette tradizionali sono tante, oggi per ci soffermiamo su questo piatto gustoso e saporito dove l'equilibrio perfetto tra il gusto sapido dell'acciuga, l'amarognolo delle cime di rape e la consistenza delle orecchiette creano un connubio di sapori incredibilmente buono ed accattivante, per cui c' è un primo, un bis, un altrofurtivo assaggio ciò che rimane in pentola!
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Porzioni
4 persone
Ingredienti
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Porzioni
4 persone
Ingredienti
Istruzioni
  1. mondare e lavare le cime di rapa, avendo l'accortezza di spuntare solo le cime più giovani e fresche
  2. In una pentola grande mettere a bollire l'acqua e tuffare le cime di rapa e le orecchiette, In padella inserire l'aglio , l'olio e le acciughe e far sciogliere a fuoco dolce.
  3. Scodellare le orecchiette e versare in padella spadellando abbondantemente e servire calde
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *