Muffolette palermitane

Muffolette palermitane

By 5 Giugno 2015

bella bella copiabella copiaverticaleIn Sicilia  il  2 Novembre è la vera festa, una volta più attesa del natale, la festa per antonomasia "la festa dei morti " non è un giorno horror e neanche il trailer di un film di zombi o morti viventi, è molto più semplicemente una festa della tradizione popolare in questa mia regione ricca di credenze e suggestioni .In questo giorno  bambini ricevono o meglio ricevevano  i regali dai defunti, che non hanno  un connotato triste e lugubre tutt'altro, ma venivano aspettati proprio come il nonno che bussa alla porta la domenica, il padre, lo zio, il cuginetto visto il giorno prima...nessuna paura, nessuna distanza, quei defunti vivevano nel ricordo di tutti festosi e ridenti tanto da portare doni dall'aldilà confermando il loro benessere ed il fatto che comunque era una gioia il fatto d'aver fatto parte della famiglia.

Dolci...tanti...regali tanti...fiere di paese dove si compravano principalmente le scarpe...una tradizione diversa in ogni città, ma oggi siamo  a Palermo città a me tanto cara, citta di mio monno e di parte della mia famiglia, dove questa giornata di commemorazione cominciava con una colazione tipica, anzi tipicissima le "muffolette"questi panini che vedete nelle mie foto, bei panini tondi tondi e cicciotti (sono i panini soffici e come le ha definite un amico a giusta ragione, le antesignane dei panini per hamburgher.)

Queste muffolette come dicevo prima, sono panini "antichi" della tradizione Palermitana, normalmente hanno un peso di 60 -70 gr. ogni giorno nei panifici palermitani dove si vendono comunemente ,
il 2 Novembre festa dei Morti rappresentano per la città la colazione tipica e, non scandalizzatevi, vengono imbottiti i di "meusa"ovverlo milza o panelle o crocchè per i palati più raffinati....io son Catanese ed imbottirei con melanzane fritte "de gustibus"o panelle,

Al di là della tradizione mi fa piacere farvi conoscere questi panini che io ho conosciuto tramite il blog di un'amica che riporta la ricetta a sua volta la ricetta del blog "Ricette di sicilia" http://www.ricettedisicilia.net/antipasti/muffoletta/

senza variare nulla ed io confermo che non c'è proprio nulla da cambiare perchè sono perfette così.

Mi fa piacere citare questo blog perchè ha una miniera di ricette siciliane più o meno note, ma tutte testate ed apprezzabilissime!

Quindi vi lascio la ricetta proprio come l'ha scritta la signora Giulia.

Ovviamente da imbottire come più  piace, si prestano proprio a tutti i tipi di farcire e rimangono morbidissime anche il giorno dopo!

fatemi sapere se vi sono piaciute....e buona cena!

Panelle:

versare appiglia nell'acqua che bolle la farina di ceci, il sale, qualche seme di finocchietto, la menta e girare per addensare, diventerà una sorta di polentona,far cuocere dal momento che addensa circa 5 minuti.

Fare intiepidire e versare la polenta tra due fogli di carta forno oleati e stendere con il matterello a circa 8mm. Fare raffreddare ed indurire e quando sarà dura e consistente tagliare dei rettangoli e lasciarli all'aria coperti con un telo traspirante per qualche ora .

Friggere in olio d'arachidi bollente .Far scolare su carta assorbente, farcire i panini con le pagelle calde.

Con questa dose potrete sfamare un reggimento o dimezzate o cosa buona e giusta surgelare le panelle ben distese poi mettere quando saranno congelate in una busta per alimenti. Non fatelo prima della congelazione perché si uniranno tutte e non potrete più consumarle! lo so che per  molti questi suggerimenti sono superflui, ma per spiegarvelo avrò i miei buoni motivi eheheh!!

se la ricetta vi è piaciuta lasciate un like all'articolo e se volete postare una foto della vostra preparazione potete farlo sulla mia pagina https://www.facebook.com/dolcimerendeedintorni/ ed un like alla pagina per rimanere sempre aggiornati!

Ingredients

Instructions

Per l’impasto sarebbe ideale l’utilizzo di una planetaria con il  gancio. Se non la possedete procedete manualmente.
Inserire  nella planetaria le farine (io sprovvista di Manitoba ho usato una comune 0 ) setacciate e il malto, il lievito spezzettato e il miele. Mettere in funzione la planetaria e aggiungere tutta l’acqua.

Far lavorare e appena l’impasto sarà incordato, cioè avrà formato la maglia glutinica, aggiungere il sale e poi  l’olio poco per volta fino a completo assorbimento.

A seconda delle farine potrà volerci un pò più di acqua io ad esempio ne ho dovuta aggiungere nella misura di 40 gr in più...l'impasto deve presentarsi liscio e soffice .

Togliere l’impasto dalla planetaria avendo cura di spolverarvi le mani e il piano di lavoro con un po’ di farina. Rincalzando da sotto formiamo una sfera e   riporlo in una ciotola infarinata, praticare una taglio a croce sulla parte superiore e mettere a lievitare per due ore in luogo tiepido ricoprendo con una pellicola da cucina.

Raddoppiato l'impasto porzionare  in pagnottelle da 80 gr e mettere nuovamente a lievitare in teglia su carta forno per circa 45 minuti, poi spennellare con albume battuto e cospargere di semini.

Infornare a 180°C  forno caldo per circa 25 minuti, bisogna sfornarle  dorate non oltre per non pregiudicare la sofficità!

PANELLE:

versare appiglia nell'acqua che bolle la farina di ceci, il sale, qualche seme di finocchietto, la menta e girare per addensare, diventerà una sorta di polentina, far cuocere dal momento che addensa circa 5 minuti.

Fare intiepidire e versare la polenta tra due fogli di carta forno oleati e stendere con il matterello a circa 8 mm. Fare raffreddare ed indurire e quando sarà dura e consistente tagliare dei rettangoli e lasciarli all'aria coperti con un telo traspirante per qualche ora .

Friggere in olio d'arachidi bollente .

Far scolare l'eccesso di olio su carta assorbente, farcire i panini con le pagelle calde.

Con questa dose potrete sfamare un reggimento o dimezzate o cosa buona e giusta surgelare le panelle ben distese poi mettere quando saranno congelate in una busta per alimenti. Non fatelo prima della congelazione perché si uniranno tutte e non potrete più consumarle! lo so che per  molti questi suggerimenti sono superflui, ma per spiegarvelo avrò i miei buoni motivi eheheh!!

se la ricetta vi è piaciuta lasciate un like all'articolo e se vi fa piacere postare la vostra foto della preparazione potete farlo qui https://www.facebook.com/dolcimerendeedintorni/ econ un like alla pagina rimarrete sempre aggiornati sulle novità

Print
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *