Maltagliati con fagioli

Maltagliati con fagioli

By 7 Ottobre 2017

bella copiapasta fresca copiaRicetta materna non si cambia...ricetta antica, della tradizione, sempre piaciuta ed apprezzata, perché cambiare??

cosa cambia?? sigh...non è più mamma a prepararmeli !! vi pare poco?? fino a qualche anno fa quando mia madre preparava i legumi erano per  tre sorelle in questua con mia madre che urlava che rivoleva i tegami pena non darcene più...ridendo e sbuffando correvamo via indaffarate tra lavoro e bambini io e le mie sorelle sicura che la cena ed il pranzo per quel giorno e l'indomani era assicurato!!

Il tegame veniva restituito da me semprevivo sempre perfettina, ordinatina, poi ci son sorelle che ne hanno fatto miniere...non faccio nomi, poi succede che cresci, prima mamma, poi nonna e ti viene consegnato lo scettro, ora le braccia sono tante anche la GRAN MATHER ha anche una nipote che lavora e corre appresso al figlio e non ha il tempo di cucinare, ma succede anche che le braccia di mamma sono stanche ed anche le sue gambe e sebbene non mi permetterei mai mai di portarle dei legumi o del sugo o delle polpette che rimangono appalto eterno le porto i miei dolci, le mie focacce, le mie preparazioni insolite, non proprio ordinarie e alleggerisco ora io lei di qualche fardello e riempio mia figlia di viveri e provviste...ogni tanto penso di preparare come per lo scoppio di una guerra, ma lei prende tutto e conserva, congela, impacchetta per i tempi di magra!!!

le tradizioni materne che si tramandano,e non solo culinarie, la generosità e l'amore delle mamme/nonne che cucinando trasmettono sentimenti, emozioni e vicinanze anche se si mangia in tavole diverse... e poi" è piaciuto al bambino??" frase che ricorre dai tempi di mia nonna Lucia, e poi di mamma e che ora orgogliosa ripeto io....#cuore di mamma# ricette di famiglia#viva le tradizioni!!

ci vorrebbe l'ashtag e lo so, ma sono antica sta cosa me l'hanno spiegata decine di volte, ma non l'afferro...

Ingredients

Instructions

Lasciare i fagioli secchi a mollo per una notte, non meno di 12 ore.

In pentola a pressione grattugiare la cipolla, le carote ed il sedano, unire l'olio e far leggermente imbiondire.

Versare i fagioli , rigirarli ed aggiungere l'acqua.

Chiudere e se usate la pentola a pressione da quando emette il classico fischio fate cuocere 1 ora e 30 a fuoco basso.

Se usate una normale pentola il tempo di cottura raddoppierà esattamente e di acqua ne dovete inserire due litri,

MAI METTERE IL SALE IN COTTURA inibisce la cottura rendendo la pelle dura.

Da aggiungere a fine cottura.

Mentre i fagioli cusciono preparare i maltagliati.

Su una spianatoia mettere la farina a conca ed inserire l'uovo e gli albumi ed impastare fino ad ottenere un bel panetto morbido e liscio.

In realtà la ricetta vuole un uovo ogni 100 g di farina, ma io avevo degli albumi ed ho rimediato così , ottimi comunque ed ho evitato lo spreco di due albumi della mattina!!

Aggiungere nella pentola per la cottura dei maltagliati circa 400 g di acqua e ad ebollizione procedere alla cottura rigirando spesso perché il sughero denso tenderà a rapprendere ed appiccicare sul fondo.

Potete anche cuocere la pasta in maniera tradizionale ed unire a cottura!

Condire con un filo d'olio piccante!!

Se la ricetta ti è piaciuta lascia un like all'articolo per farmelo sapere!

Print
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Vota*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *