Il pandoro soffice con lievito di birra

Oggi ho il piacere di presentarvi la  ricetta  di un pandoro estremamente soffice e duraturo preparato con lievito di birra!

Lo so che ci sarà  un’alzata di scudi nel sentire  citare   il lievito di birra nella ricetta di un grande lievitato delle feste, ma come  spiego da sempre ,  così come mi piace creare  ricette per il buon uso del bimby mi piace anche rendere ricette”importanti ”  più semplici e veloci e fruibili a tutti.

Non tutti hanno la planetaria, non tutti posseggono PM o sono in grado di mantenerla per mille motivi, ma non per questo si deve rinunciare al piacere di un buon pandoro fatto bene.

Certamente pandoro  più veloce, meno impegnativo, più sbrigativo, perfetto per  le esigenze di chi è sempre in corsa e di corsa, ma non meno buono.

Io ho fatto le mie “scoperte” in tarda età, prima troppo lavoro…mattina e pomeriggio, tre figli e non smettevo mai di correre e calcolare i tempi, la vita come una micidiale staffetta e credo che molti di voi si ritroveranno nelle mie parole, ma ho sempre inseguito i tempi per arrivare puntuale al lavoro, a scuola , al dottore ,ma anche ai miei appuntamenti con i lievitati, sebbene tempi stringati e risicati.

Poi ci si rilassa, i figli crescono, le cose cambiano ed arriva più tempo da dedicare alle passioni, anche se  non sempre    è così.  Sebbene tante cose siano  cambiate continuo a  pensare  sempre in velocità e penso a quella che ero e mi piace poter dare un piccolo contributo alle tante persone in corsa , ma che coltivano questa passione nel rispetto dei loro tempi e possibilità.

Questa ricetta è presente nel  blog  con il procedimento per  il bimby  da tanti anni e quest’ anno l’ho rielaborata per poter eseguire la preparazione con la planetaria in occasione dei corsi che tengo a Catania con la  cara Francesca con la quale conduciamo  i corsi e con la quale condividiamo ricette, passioni, consigli e scambi di suggerimenti sulle ricette.

Come dicevo una ricetta già esistente che quest’ anno ho ripreso perché  va assolutamente valorizzata in quanto eccezionale, solo che con il desiderio di provare sempre qualcosa di nuovo passo avanti e dimentico .

Questa ricetta contiene un ingrediente particolare, ma non troppo, che rende l’impasto particolarmente soffice ed umido , la patata che conferisce una morbidezza  incredibile.ovviamente un sapore che non si avverte al gusto, ma  rende speciale l’impasto.

Il segreto per un’ottima riuscita, oltre alla ricetta, è  sempre l’uso di ingredienti ottimi, dal burro , alla cioccolata, alla vaniglia tutto deve essere di prim’ordine com’è giusto che sia nelle nostre preparazioni altrimenti cosa  le prepariamo a fare in casa ? e poi  il rispetto delle regole sull’incordatura , gli inserimenti, i tempi della lievitazione tutti fattori che determinano la riuscita della nostra preparazione e senza i quali non sarà la stessa cosa.

Il pandoro è una delle ricette più insidiose in assoluto per la grande quantità di burro e di grassi, ma con la giusta attenzione tutto è possibile e spero di fornirvi tutte le indicazioni per una buona riuscita .

Siete pronti a strabiliare parenti ed amici con il vostro pandoro?  

Qui il link per la ricetta con il bimby così accontentiamo tutti e nessuno rimarrà deluso ed ora non mi resta che augurare buone Feste a tutti!

https://www.dolcimerendeedintorni.it/pandoro-bimby/

Print Recipe
Il soffice pandoro con lievito di birra
Il mio pandoro soffice e morbido che profuma di buono , di burro e di vaniglia. Anche senza pasta madre solo con lievito di birra è possibile preparare un pandoro spettacolare con qualche accorgimento ed un ingrediente speciale che conferirà la giusta morbidezza ed umidità .Soffice, morbido ricoperto di zucchero a velo sarà il successo assoluto di questo Natale.
Tempo di preparazione 10 ore circa
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 9 ore
Porzioni
1 pandoro da 1 Kg o 2 da 500 g
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 ore circa
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 9 ore
Porzioni
1 pandoro da 1 Kg o 2 da 500 g
Ingredienti
Istruzioni
PROCEDIMENTO
  1. Prima di ogni cosa preparare l’emulsione che al momento dell’inserimento deve essere fredda e morbida, Conservare in frigorifero nella parte più fredda.
  2. PREPARARE L'EMULSIONE. sciogliere a bagnomaria o nel microonde il burro con il cioccolato bianco a piccoli pezzetti girando sempre in modo che non si formino grumi, aggiungere la vaniglia e la scorza d’arancia grattugiata , coprire e far raffreddare in frigo nella parte più fredda al momento dell’inserimento deve essere fredda e morbida,
PREPARARE IL LIEVITINO circa 45 minuti
  1. Unire acqua , latte condensato, lievito e farina , coprire a far lievitare al raddoppio.
IMPASTO circa 40 minuti
  1. Inserire in planetaria il lievitino, il lievito,la patata fredda e schiacciata nell’ apposito schiacciapatate, 1/3 delle uova Intere e tuorli )che avremo unito e leggermente battuoi 1/3 dello zucchero 1/3 della farina ed incordare prima di procedere ai sue successivi inserimenti.Per questo primo inserimento si impiegheranno circa 16 minuti , è l'inserimento più insidioso, ma che determinerà la riuscita del pandoro.Quindi non vi scoraggiate, la patata renderà leggermente difficoltosa l'incordatura, ma che poi quasi per magia otterrete.L'impasrto deve essere ben compatto, incordato ed avvolto alla foglia era ciotola pulita.
  2. A fine ingredienti dobbiamo avere un impasto elastico e con una maglia glutinica tenace solo in questo modo potremo inserire l’emulsione dividendola in tre parti e ribaltando spesso, con il primo inserimento unire tutto il sale. Dopo l’emulsione con impasto incordato aggiungere goccia a goccia i 15 g di acqua.
  3. Poggiare l’impasto in ciotola, arrotondando e far lievitare circa due ore, poi dividere l’impasto in due se intendete preparare due piccoli pandoro da 500 g e pirlare entrambe le parti. Lasciare scoperto e dopo 10 minuti pirlare nuovamente . Altrimenti unica piallatura.
  4. Imburrare perfettamente lo stampo in ogni sua parte e poggiare l’impasto ripiegato ad U con il lato disposto lateralmente. Sigillare e far lievitare a 26 ° fino a che l’impasto raggiunge circa 1 cm al bordo.Ci vorranno circa 7 ore
  5. Infornare a 180° statico per 10 min, poi 30 minuti a 160° infilzare la sonda al cuore per verificarne la temperatura che deve essere di 93°.L'uso della sonda è quasi indispensabile per determinare la cottura perfetta ed è ormai in vendita nei negozi specializzati o all'idea Fare raffreddare nello stampo , Al momento di servire spolverare con zucchero a velo, conservare il pandoro in una busta per alimenti ben sigillata.
  6. Il pandoro va gustato preferibilmente il giorno dopo e si conserva perfettamente morbido per 4- 5 giorni, poi è meglio intiepidire in forno.
  7. PREPARARE L'EMULSIONE
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *