Girelle crema ed uvetta

Girelle crema ed uvetta

By 11 Aprile 2017

bella copiaClassiche, intramontabili, golose, ricche, desiderate e desiderabili con quell'uvetta che occhieggia tra una giravolta e l'altra...

nel blog c'è la versione sfogliata di Montersino e vi allego il link  https://www.dolcimerendeedintorni.it/wordpress/girelle-e-croissant-sfogliati-montersino/

ed oggi  la versione brioche morbida e più semplice ,quale preferite??

per me dipende dall'umore ed il desiderio ed il tempo a disposizione... quando le  prepariamo  ovviamente bisogna fare delle constatazioni di ordine pratico...entrambe squisite differiscono per procedimento ed ingredienti di tanto...quelle sfogliate più impegnative e laboriose, tanto burro, tanto lavoro, scrocchiarelle e tanto tanto gratificanti, quelle con pasta brioche gestibilissime e fattibili per tutti ed in poche ore...oggi di tempo ne avevo poco ed ho optato per le seconde, ne ho fatto scorta e surgelato in modo da tirar fuori la mattina per una colazione super golosa e gratificante come piace a me...

Cominciare la giornata  con un 'ottima colazione darà maggiore ottimismo e serenità e con tanta dolcezza in più 🙂

La ricetta è una base che uso spessissimo perchè assolutamente versatile si presta a tutto nel dolce,sofficissima.morbida ,si conserva bene e quindi la ripropongo spesso, oggi per le girelle ed ogni volta sembra qualcosa di diverso a seconda le formature,le farcie e le dimensioni...con questa ricetta abbiamo nel blog

"le  parigine"https://www.dolcimerendeedintorni.it/wordpress/parigine-con-bimby-e-non/

"i kranz",https://www.dolcimerendeedintorni.it/wordpress/kranz/

interno copiaoggi  girelle e se la ricetta ti è piaciuta lascia un like all'articolo per farmelo sapere ,se ti fa piacere posta una foto delle tue girelle sulla  mia pagina FBhttps://www.facebook.com/dolcimerendeedintorni/ e con un like alla pagina rimani sempre aggiornato!

Instructions

IN PLANETARIA :

Inserire nella ciotola il latte, il lievito e lo zucchero mescolare con la foglia

Unire  la farina, inserire successivamente l'uovo ed il sale, grattugiare le zeste di un 'arancia (o un cucchiaino di pasta d'arancia homemade) ed incordare.

Con l'impasto ben incordato ed aggrappato alla foglia inserire il burro morbido a fiocchetti facendo assorbire prima del successivo inserimento.

Incordare ed  in ultimo unire il cucchiaino di vaniglia e chiudere l'impasto.

Prelevare l'impasto dal boccale e rifinire in spianatoia leggermente spolverata di farina Inserire  in una ciotola, sigillare e far lievitare per due ore circa a 26°.

Per una migliore resa dell'impasto a livello di aroma, durata e sapore è preferibile impastare la sera e dopo 20  minuti porre l'impasto in una ciotola ben sigillata in frigo.L'indomani far acclimatare, lievitare e procedere con la formatura.

 

CON IL BIMBY:

Inserire nel boccale burro, latte lievito e zucchero 2 minuti 37° vel.3

Aggiungere  l’uovo e la farina 2 minuti vel. spiga,unire nel frattempo il sale e gli aromi

Prelevare l'impasto dal boccale e rifinire in spianatoia leggermente spolverata di farina Inserire  in una ciotola , sigillare e far lievitare per due ore circa a 26°.

Per una migliore resa dell'impasto a livello di aroma,durata e sapore è preferibile impastare la sera e dopo 20  minuti porre l'impasto in una ciotola ben sigillata in frigo.L'indomani ,far acclimatare, lievitare e procedere con la formatura.

CREMA PASTICCERA

Montare le uova intere con lo zucchero fino a far diventare soffici e spumose, inserire la farina,la vaniglia  o la scorza di limone grattugiata ed a filo il latte a TA .

Portare ad ebollizione, mesi orlando per evitare la formazione di grumi  e  continuare la cottura per almeno 5 minuti girando sempre in un'unica direzione

CON BIMBY

Se volete usare il bimby inserite tutti gli ingredienti nel boccale con farfalla vel 2 a 90° per 12 minuti.

 

Durante i preparativi lasciare in ammollo l'uvetta con acqua e rum per un 'ora circa dopo averla lavata

Scolare ed ascigare l'uvetta tamponandola con carta assorbente.

Quando l'impasto sarà raddoppiato procedere alla formatura.

Dividere in due l'inpasto altrimenti  e stendere  con il mattarello creando un ampio rettangolo da 30 x 25 circa, distribuire un velo di  crema, senza esagerare,distribuire l'uvetta e chiudere dal lato lungo stringendo bene.

Porre sotto la chiusura e con un coltello con lama lunga e liscia affettare a tre cm circa ogni fetta e poggiare in  teglia su carta forno.

Coprire le girelle con pellicola a e far lievitare per un'ora circa.

Spennellare con uovo e latte pari peso e spolverare con zucchero di canna, infornare a 180° statico a temperatura.

Sfornare le girelle dopo circa 20 25 minuti ancora chiare e dorate .

Print
Print Friendly, PDF & Email

6 pensieri su “Girelle crema ed uvetta”

  1. Ciao molto bello il tuo blog!
    Una domanda su queste bellissime girelle: l’uvetta la ammolli prima?
    E quanta ne aggiungi? Mi pare che non ci sia negli ingredienti
    Grazie

    1. Ciao Arianna,grazie 🙂
      avevo dimenticato il peso dell’uvetta nell’elenco degli ingredienti…spesso mi sfugge qualcosa…nel procedimento scrivo invece che l’uvetta va sciacquata e lasciata in ammollo con acqua e rum ,poi scolata ,asciugata ed inserita sopra la crema,se le provi fammi sapere 🙂

  2. Pingback: GIRELLE ALLA CANNELLA (Funfetti Cinnamon Rolls) - Chiarapassion

  3. Io ho usato la farina 00, ma nel blog del chiarapassion che ha rifatto la tua stessa da ricetta, c’è scritto di usare Manitoba, il mio pasto sta lievitando, che differenza comporta l’utili Della 00 piuttosto che Manitoba?

    1. Generalmente la 00 si usa per torte, ciambelle, frolle…è una farina con molto poco glutine, una farina “debole” che non struttura gli impasti.
      Quando si preparano dei lievitati, gli impasti hanno bisogno del glutine che invece li struttura con una maglia glutina che renderà il prodotto finale più soffice, di più lunga durata e morbidezza. Un impasto non deve essere solo mescolato e brevemente impastato, non deve mai risultare molliccio ed informe, deve essere elastico, tirando un lembo deve opporre forza e resistenza, deve avere una sua plasticità…cosa che non si ottiene con una 00 .Certo l’impasto gonfierà comunque per azione dei lieviti ma non sarà soffice se non appena sfornato…poi diventerà un mattone appena freddo perché manca di struttura.Le farine non si usano a caso per ogni prodotto c’è una farina a specifica ed un perché 🙂

Lascia un commento

Vota*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *