Focaccia barese senza patate con impasto a mano

La vita ci porta in luoghi diversi, a provare sensazioni diverse e spesso contrastanti, ci costringe a  lontananze e mancanze che poi negli anni vengono colmate da nuove esperienze, nuovi volti, nuove motivazioni, ma mai , proprio mai è possibile dimenticare  le proprie radici che sono piantate in luoghi spesso fermi nel tempo e ad un’infanzia che non esiste più ed in quei luoghi che ormai sono dell’immaginario bussano alla porta  zii e cugini festosi, nonni giovani, scampagnate e vacanze, feste e tradizioni che non si possono dimenticare.

Nata e cresciuta in parte a Bari sono cresciuta a focaccia e tiella, panzarotti e cartellate, tutte le ricette della tradizione barese si sono trasferite con noi in Sicilia assieme a mobili e bagagli e mai hanno vacillato nella cucina di mia madre per cui il tempo sembra non essere passato perchè ripropone le braciole la domenica e le cime di rape mentre le sue amiche preparano pasta alla norma e falso magro …non sono stati sufficienti oltre quaranta anni per cambiare ricettario e tradizioni, ma il tempo è passato inesorabile comunque ed ora , anzi da tempo. sono io a portare avanti quelle tradizioni e ricette facendone dono ai miei genitori ormai anziani   che altrimenti non avrebbero la possibilità di riassaporare i piatti delle loro tradizioni.

Oggi ho portato loro la focaccia, mi sono fermata in salumeria ed ho acquistato la mortadella altrimenti che focaccia è?

Per questa squisitezza della tradizione pugliese nota al mondo mi sono affidata alla ricetta di Ammodomio  che propone la ricetta di un antico forno di Bari vecchia , ricetta senza patate e da fare a mano , ma se siete proprio pigre in planetaria dovrete gestire l’impasto al minimo della velocità perchè non va incordato, ma semplicemente impastato con farina 00.

Poi altra caratteristica sono le olive che io non mangio e di cui  non posso soffrire l’odore ed ho omesso, poi ci vorrebbero quei pomodori pugliesi dal gusto inconfondibile che nonno  teneva appesi sul balcone o davanti alla porta della casa delle vacanze  a Putignano  , ma questa volta sono pomodori di Pachino, come vedete certe cose hanno un senso solo nei luoghi d’origine, ma ci accontentiamo ed i miei genitori hanno potuto assaporare un pezzetto di Puglia anche a Catania.

Vi lascio la ricetta e ringrazio Ornella Mirelli di Ammodomioper la ricetta e le minuziose spiegazioni e spero che vi possa piacere ed incuriosirvi e chissà stimolare un viaggio enogastronomici in Puglia…non so mai dove si mangia meglio in Puglia o in Sicilia? figuratevi quanto sono fortunata in me c’è un patrimonio di ricette da gustare e preparare.

Print Recipe
Focaccia barese senza patate con impasto a mano
Da barese trapiantata in Sicilia spesso mi trovo a riproporre i piatti della mia terra di origine per non scordare le mie radici e per portare ai miei genitori ormai anziani dei piatti che non avrebbero altrimenti più la possibilità di assaggiare.Oggi questa focaccia senza patate ed impastata a mano è un viaggio gastronomico nella vera Puglia
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 4 ore circa
Porzioni
teglia da 30 cm
Ingredienti
Ingredienti focaccia barese senza patate
  • 300 g di farina 00
  • 250 g di acqua appena tiepida
  • 6 g di lievito di birra
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 2 cucchiaini di sale
Emulsione
  • 50 g di acqua
  • 30 g di olio EVO
  • 10/12 di motorini
  • 3/4 pizzichi di sale
  • 10 di olive
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 4 ore circa
Porzioni
teglia da 30 cm
Ingredienti
Ingredienti focaccia barese senza patate
  • 300 g di farina 00
  • 250 g di acqua appena tiepida
  • 6 g di lievito di birra
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 2 cucchiaini di sale
Emulsione
  • 50 g di acqua
  • 30 g di olio EVO
  • 10/12 di motorini
  • 3/4 pizzichi di sale
  • 10 di olive
Istruzioni
  1. Sciogliere il lievito in 50 g di acqua del totale più un cucchiaio di farina del totale, mescolare, sciogliere i grumi, coprire con pellicola e far raddoppiare, ci impiegherà circa 20 minuti.
  2. In una ciotola inserire la farina, da un lato il sale , aggiungere al centro il lievitino ed impastare con una spatola aggiungendo poco a poco l'acqua . Quando l'impasto sarà omogeneo e si staccherà dalle pareti della ciotola trasferirlo sul piano di lavoro sbattendolo al piano quattro cinque volte per renderlo più liscio ed elastico anche se rimarrà morbido ed appiccicoso.
  3. Portare i lembi dell'impasto verso il centro poggiare la chiusura sotto nel contenitore , sigillare e far raddoppiare a 26° . Al raddoppio rincalzare l'impasto con le mani o con un tarocco, spolverare leggermente con farina , coprire con un panno pulito mentre si unge la teglia con olio abbondante.
  4. Poggiare l'impasto sulla teglia unta. poi rigiralo in modo che sia unto ovunque ed allargare leggermente, l'impasto non è incordato, ma cedevole, se mostra resistenza lasciare riposare 10 minuti prima di allargare ancora fino a raggiungere i bordi.
  5. Nel frattempo avremo preparato l'emulsione tagliando e premendo i pomodori raccogliendo il succo da emulsionare con acqua, olio e sale. Distribuire l'emulsione e disporre i pomodorini, origano e se gradite le olive che sono una caratteristica della focaccia pugliese.
  6. Cuocere in forno a 250° statico per circa 40 minuti, la focaccia sarà pronta quando si stacca dalla teglia ed il fondo appare dorato e croccante. A Bari per gustare appieno la focaccia si usa tagliare e farcire con mortadella, credetemi la morte sua.
 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *