Danubio soffice alla pizzaiola

Il piacere nello sfornare un lievitato così soffice, ben lievitato, con questa mollica soffice e filante non ha eguali.

In questo periodo produco meno, ma quando mi metto all’opera sempre cose di gran qualità e sono felice di constatare che vi piacciono molto, lo vedo dai vostri like, dai commenti sul blog, dall’entusiasmo con il quale rispondete alle mie storie.

Oggi ho solleticato la vostra golosità con una piccola storia del danubio appena sfornato e siete stati in migliaia a chiedere della ricetta e sono qui a scrivere per voi ritagliando un pò di tempo per me, per voi e per il mio blog, la mia insana passione!

Proprio così avete capito bene, insana passione perchè occupa tanto del mio tempo, perchè mentre sono stesa al mare penso a cosa posso prepare per coinvolgere voi, cosa vi potrà piacere, come vorrei saper fotografare, insomma questo blog ed il vostro entusiasmo si sono impossessati di me a costo zero, come si recitava nella Tosca…vissi d’arte, vissi d’amore e che amore aggiungo io!

Da sempre innamorata dei lievitati, in epoche non sospette smanettavo e provavo e riprovavo con il bimby poi l’arrivo in casa della prima planetaria ed ascoltate bene  non per me, ma di mio marito che ogni giorno rinfrescava pasta madre invaso dal sacro fuoco della panificazione mentre io al lavoro mi lamentavo dei piatti sporchi e della confusione che faceva.

Poi mutano le stagioni e la nostra vita  e dopo qualche anno sono io ad usare tutti i suoi strumenti deposti ed abbandonati arricchendo poi la mia collezione all’inverosimile.

Insomma le passioni sono dentro, serpeggiano, vorrebbero esprimersi , non sempre per varie circostanze è possibile, poi però sono destinate ad emergere in qualche momento della vita ed a quel punto o le assecondi e ne fai buon uso o vivi frustrata per non aver osato.

La mia non è stata mai una scelta semplicemente   l’ordine naturale delle cose, non mi sono mai seduta a tavolino a pensare oggi creo il blog , oggi divento foodblogger ,ma  da cosa nasce cosa ed ora son qui a parlare di me praticamente ad un pubblico anziché a mia madre e ad una amica paziente!

Sono felice di fare quello che faccio e senza la mia non sarebbe la stessa vita, perchè i lievitati in particolare sono un’estensione di me, forse quella talentuosa , quella in cui so esprimere me stessa , dove trovo  la mia vera dimensione!

Ma anche a voi fanno questo effetto i lievitati??

Sono l’unica matta??

Intanto dopo avervi tediato un poco con il mio diario di bordo, anzi di cucina vi lascio alla lettura della ricetta e mi piacerebbe vedere tanti Danubio taggati @Dolcimernendeedintorni_official

Ma mi seguite su IG o vi perdete le mie storie e storielle??ecco dove seguirmi basterà fare clic https://www.instagram.com/dolcimerendeedintorni_official/?hl=it 

Print Recipe
Danubio soffice alla pizzaiola
Un morbidissimo danubio dalla soffice consistenza farcito al gusto pizza! mozzarella, pomodoro, origano sono il suo condimento semplice e nel contempo speciale per gli amanti del genere.
Tempo di preparazione 60 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo Passivo 4 ore circa
Porzioni
1 teglia da 26 cm
Ingredienti
Ingredienti lievitino
  • 100 g di farina w 260/290
  • 75 g di latte
  • 75 g di acqua
  • 10 g di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di miele
Ingredienti impasto
  • 250 g di farina w 260/290
  • 150 g di farina 0
  • 2 di uova intere
  • 25 g di zucchero
  • 30 g di burro
  • 30 g di strutto
  • 10 g di sale
Ingredienti farcia
  • 150 g di mozzarella scolata ed asciutta
  • 20 g di olio
  • 150 g di passata di pomodoro
  • q.b. di origano
  • q.b. di sale
Tempo di preparazione 60 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo Passivo 4 ore circa
Porzioni
1 teglia da 26 cm
Ingredienti
Ingredienti lievitino
  • 100 g di farina w 260/290
  • 75 g di latte
  • 75 g di acqua
  • 10 g di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di miele
Ingredienti impasto
  • 250 g di farina w 260/290
  • 150 g di farina 0
  • 2 di uova intere
  • 25 g di zucchero
  • 30 g di burro
  • 30 g di strutto
  • 10 g di sale
Ingredienti farcia
  • 150 g di mozzarella scolata ed asciutta
  • 20 g di olio
  • 150 g di passata di pomodoro
  • q.b. di origano
  • q.b. di sale
Istruzioni
  1. Inserire nella ciotola della planetaria la farina con latte, acqua, miele e lievito e mescolare con una frusta o con una forchetta perchè la quantità è minima e la foglia non riuscirebbe a girare gli ingredienti. Coprire e far lievitare al raddoppio ,il lievitino sarà pronto in circa 45 minuti e comunque quando la superficie sarà piena di bollicine e buchetti
  2. Inserire metà della farina con un uovo, metà dello zucchero ed avviare l'impasto, appena avrà preso corpo aggiungere l'altro uovo , la restante farina e zucchero ed impastare con la spirale fino ad ottenere un impasto unico , ma non particolarmente coeso. Aggiungere il burro e lo strutto con il sale ed aumentare di velocità fino ad incordare , ribaltando con l'aiuto del tarocco se necessario.
  3. Prelevare l'impasto poggiare in ciotola , arrotondare e coprire per la lievitazione a 26° . Impiegherà circa due ore .
  4. Ribaltare l'impasto sul piano di lavoro leggermente spolverato di farina , sezionare a 65 g , consiglio sempre di pesare in modo che la cottura sia uniforma ed anche esteticamente più bello da vedere. Arrotondare e stendere con il matterello formando dei dischetti , attendere dieci minuti, ripassare con il matterello così saranno più estensibili e farcire al centro con la farcia preparata .
  5. Chiudere a fazzoletti stringendo bene la chiusura, poggiare in teglia su carta forno e distanziare di un paio di cm tra una pallina e l'altra perchè svilupperanno tantissimo. Coprire e far lievitare a 26° , raddoppieranno in circa 60 minuti.
  6. Spennellare la superficie con della passata condita e spolverare con origano. Cuocere a 180° forno statico per circa 20 minuti. Se vedete che scurisce troppo poggiare sopra due foglio di carta forno.
  7. Ottimo appena sfornato potrà essere riscaldato prima di portare in tavola o gustato a temperatura ambiente. E' possibile anche congelare il danubio e scongelare a temperatura ambiente circa tre ore prima, basterà una riscaldata e sarà come appena fatto!

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *