Ciambella al profumo di limone

Ciambella al profumo di limone

By 16 Febbraio 2017

Questa ciambella la dedichiamo a chi è intollerante al lattosio ed gli amici della pagina che mi chiedono ricette senza latte e derivati e man mano arricchirò questa sezione perchè  pur togliendo il latte e d il burro non rinunciamo di certo a sapore,gusto e sofficità!!

diamo solo leggerezza e chissà che non scappi  anche una fetta in più....

ideale a colazione,a merenda con un tèa vi consiglio di provarla e vedrete che in credenza farà capolino molto ,molto spesso!

Oggi l'ho prepararta per l'ennesima volta , il che non è una novità a casa mia, ma ho voluto cambiare lo stampo...nuovi acquisti e voglia di svecchiare e dare un'immagine nuova a vecchie ricette che  passano gli anni, ma sono sempre in auge...la foto della prima pubblicazione classica rimane sempre ,ma mi piace tanto anche questa nuova veste ,devo pur proporre cose nuove ,voi prendete pure  il solito caro ,vecchio stampo se nel frattempo non vi siete aggiornati e via di ciambella!!!

Instructions

Accendere  il forno a 200° in modalità statica

Separare  i tuorli dall’albume e montare  molto bene i tuorli con lo zucchero con l’uso di uno sbattitore elettrico inserendo qualche cucchiaio di acqua presa dal totale

In una ciotola setacciare la farina ed il lievito,  creare  una piccola fontana e al centro mettiamo l’olio, l’acqua calda, la scorza grattugiata del limone, il suo succo ed infine il composto di zucchero e uova, mescolando molto bene con lo sbattitore

Montiamo a neve fermissima gli albumi con qualche goccia di limone ed aggiungerli mescolando con una  spatola  con movimenti dal basso verso l’alto lavorando molto delicatamente per non far smontare gli albumi e perdere i gas incorporati che hanno reso gli albumi spumosi.

Imburrare  ed infarinare  lo stampo da ciambella ,versare  il composto ed infornare  per 30 minuti senza aprire il forno in modalità statica.

Controlliare  con la prova stecchino se al centro la ciambella risulta asciutta il dolce è pronto in caso contrario prolungare  la cottura.

Print

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Vota*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *