"Calia" catanese con esubero di pasta madre

"Calia" catanese con esubero di pasta madre

By 19 Gennaio 2017

CALIA  traslate ...non si puòòòòòòò!!! però cerco di spiegarvi cos'è e sopratutto perchè l'idea di chiamare così questi "salatini"...
partiamo dall'inzio...volevo fare i BIBANESI che sono un mix tra grissini e pane che hanno origine e prendono il nome da Bibano un paese del veneto che ha avuto la capacità di farli conoscere ed apprezzare in tutta italia!
io non li ho mangiati in Veneto ,ma li ho assaggiati perchè dall'oblò di un motorom posteggiato sotto casa mia  me ne arrivato un bel sacchetto preparati dalla mia cara amica Graziella  dovevo chiedere la ricetta,ma tra una cosa e l'atra si sa il tempo passa ....poi succede che arriva il trip ed  io impasto in orari incredibili ai più e se mi viene 'sta frenesia non posso aspettare e certo non potevo chiedere la ricetta prima del canto del gallo ...e quindi ho fatto un pò da me guardando sul web ...
preparo l'impasto ed al momento di formare ho ricordato com' era difficile smettere di assaporarli e guardando quei filoncini ho pensato alla CALIA che  che è un prodotto tipico Catanese  che viene preparato sia in invero che in estate, ma sopratutto in occasione della festa Patronale e qui già è tutto un fermento di bancarelle e calia e dolciumi tipici per la festa di Sant'agata!
in fin dei conti  volete sapere cos'è "la calia "? sono semplicemente ceci tostati e salati e la cosa strana è che se inizi  a mangiarli non riesci a smettere... qui a Catania quando si comincia e non si smette di mangiare qualcosa si dice "cala come a calia" in altri posti si direbbe "uno tira l'altro come le ciliegie",ma qui è CALIA!!! e con la loro piccola forma tondeggiante ricordano proprio dei ceci e non riesco a fermarmi ...levatemeli di torno!!!

Ingredients

Instructions

Sciogliere gli esuberi in planetaria con il malto e l'acqua ,aggiungere le farine impastando con il gancio e quando l'impasto sarà semi incordato aggiungere il sale e pian piano a filo l'olio ed impastare crudifino ad ottenere un 'impasto morbido,ma bene incordato.Far riposare l'impasto in ciotola per 30 minuti circa e dividere in pezzetti formando   dei cilindretti che taglieremo a piccoli pezzi .Se piace n un piatto mettere abbondanti semini di sesamo e dopo averli rotolati nella salamoia di acqua ,olio e sale rotolarli sui semini e poggiarli in teglia leggermente distanziati a far lievitare.Dopo circa tre ore infornare a 180° per circa 20 minuti devono essere di un bel colore ambrato.Conservare in sacchetti per alimenti o scatole di latta

Print
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *