Biscotti assabesi

Biscotti Assabesi

By 5 Giugno 2017

singolo copiain teglia copia

Probabilmente vi annoio con le mie storie su origini e tradizioni prima di arrivare alla "ricettina" ,ma credetemi è così affascinante ripercorrere le pagine della storia e della tradizione per chi ama la pasticceria e scoprire le origini ed il  perché, che non riesco ad esimermi...storie antiche, in questo caso in bianco e nero....

Spesso i dolci della nostra tradizione sono dolci commemorativi ed anche questi golosi ed intriganti biscotti di frolla montata al cacao all'aroma  d'arancia hanno una storia non bella, triste piuttosto vista con i nostri occhi, ma  torniamo indietro nel tempo addirittura  nel 1884 per raccontarne l'origine...

quando iniziò la politica coloniale italiana il prof. Guido Abbattista, insegnante di Storia Moderna all’Università di Trieste, racconta che le prime navi italiane giunsero in Eritrea nel 1869 e la prima colonia italiana fu proclamata nel 1890.

Questo, però, non comportò subito l’arrivo di persone di colore nella nostra penisola alimentando, inevitabilmente la curiosità di tuttied emulando  ciò che avveniva già in Gran Bretagna e Francia, si pensò, in occasione dell’Esposizione Generale Italiana di Torino, di esporre sei africani: tre uomini, una donna e due bambini.

Un evento triste e bieco che  scatenò la fantasia di molti, tanto da spingere i pasticceri a creare dei biscotti di colore scuro come la pelle dei poveri colonizzati, che chiamarono dal porto di Assab da dove partivano assabesi.
Biscotti deliziosi che ebbero subito un grande successo e la cui pubblicità apparve dall’anno seguente su tutte le riviste.

La loro ricetta invece fu pubblicata solo nel 1946 su “Il Pasticcere e Confettiere Moderno” di Giuseppe Ciocca.

Gli assabesi sono ancora oggi biscotti tanto amati per la loro consistenza perché si sciolgono  in bocca e per la nota amara del cacao che sposa la vaniglia e l'aroma d'arancia.

Questi biscotti sono stati proposti e riproposti da tanti pasticceri, io vi racconto della ricetta della pasticceria  Rita Busalacchi appresa ad un bellissimo corso  di biscotti e meringhe...

Ingredients

Instructions

crudi in fila copiaTogliere il burro dal frigo un'ora prima circa del suo utilizzo deve essere a 14 ° il momento che cominciamo l'impasto della frolla montata.

Inserire in planetaria burro , zucchero a velo  e gli aromi.

Unire le uova ed i tuorli, infine la farina con il sale fino ad amalgamare tutto ed avere una massa montata e soffice.

stendere su dei vassoi della carta forno e dopo aver riempito una sai a poche con bocchetta rigata formare delle ciambelline, dopo aver riempito il vassoio poggiare in congelatore e lasciare anche tutta la notte e dopo che son congelate potete anche metterle in una busta per alimenti e farne provvista per tutte le occasioni.Per cuocere inforniamo le ciambelline congelate in forno caldo statico a 180°-200° fino a colorazione .

Senza questo passaggio nel congelatore difficilmente manterranno la forma ,quindi preparate i biscotti in un momento senza la fretta del dover servire e fate tutti i passaggi vedrete che risultato!biscotti da pasticceria

Print
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *