Bagel come li fa Lyuba

Bagel come li fa Lyuba

By 21 Maggio 2017

semi misti copiasemini copiasemi di papavero copiabella copia

 

 

 

 

Finalmente li ho preparati !!

erano nella mia lista da troppo, troppo tempo e finalmente in una domenica che doveva essere di mare,ma invece è stata   nubi e vento cosa si si fa? si impasta of course...

Non tutti li conoscono, qui in Italia non so perché, ma non hanno sfondato come invece è capitato a tante ricette americane ed è un vero peccato non trovarli nei panifici e tra un bagel surgelato in un discount e farli in casa voi come pensate che sia andata??

Un pò di storia e tradizione non fa mai male e così spulciando vi riporto questo appunto perché non sono qui in Italia così noti

STORIA DEI BAGELShttp://www.bagels.sm/cosa-sono-i-bagels

Il bagel è un pane molto popolare in America del nord, ma le sua origini sembra essere Europee.

Si narra che queste ciambelle di pane furono fatte per la prima volta nel 1683 da un panettiere ebreo di Vienna in onore del re di Polonia, come ringraziamento per aver salvato la popolazione austriaca dall’invasione turca. Poichè il re era un appassionato cavaliere, il panettiere diede al pane la forma di una staffa –beugel in austriaco.

Quando nel 1800 le migliaia di ebrei europei emigrarono nell'America del Nord portarono con loro   questa specialità.

Fu a New York, attorno al 1910, che l’industria dei bagels si sviluppo' particolarmente. Trecento panettieri fondarono un’associazione chiamata: “Bagel bachery Local 388”. Questo gruppo di artigiani con  “il bagel nel sangue” stabilì che solo i figli dei membri potevano continuare la tradizione dei bagels.

Si narra che a quei tempi era più facile laurearsi in medicina che diventare apprendista in uno dei 36 "bagels shop” di New York e del New Jersey.

Tutti i bagels venivano fatti a mano e solo negli anni sessanta fu introdotta la meccanizzazione della produzione con una speciale macchina che dà la forma rotonda a questo impasto.

Fu attorno al 1950/1960 che i panettieri di New York e del New Jersey iniziarono ad espandersi in altri stati dove iniziarono a produrre anche bagels confezionati e soprattutto congelati per la distribuzione nei supermercati.

La particolarità dei bagels sta nella sua forma ad anello e nel metodo di cottura che conferisce loro la struttura morbida, leggermente gommosa all’interno e la crosta lucida.

Il bagel è l’unico pane che viene bollito in acqua prima di essere cotto in forno, anche per questo motivo viene giustificato il suo costo   leggermente più alto rispetto ad altri panini.

Ovviamente nel web 2500 ricette tosto più che meno...quale fare??

dapprima ne ho provata una con il bimby...e qui mi arrabbio e tanto...una porcheria di impasto ingestibile...ora perché pubblicare un articolo probabilmente mai neanche provato??stendo un velo pietoso altrimenti son parolacce...comunque butto tutto e qui piango...perchè sarà acqua e farina, ma perché sprecare così? poi leggo ancora, poi ricordo le belle foto dell'amica Lyuba Radeva e decido per questa sua ricetta e senza colpo ferire ecco i miei...stasera è domenica ,il pranzo è stato dietetico, mi merito un bagel con burro, salmone e rucola...le farciture  son prevalentemente salate, ma al gusto non si comanda quindi sbizzarritevi voi io per stasera ho le idee chiare!

e se la ricetta ti è piaciuta lascia un like all'articolo per farmelo sapere e condividi!

 

Ingredients

Instructions

in pentola copiain teglia copiateglia cotti copia

 

 

 

Questa ricetta è presa dal blog "www.quelli che non solo dolci"di Marco Spetti e Maria Antonella Calopresti nella sezione ricette di Lyuba Radeva

Procedimento:
Sciogliamo il lievito e lo zucchero nell’acqua con il latte.

Aggiungiamo la farina e cominciamo a impastare, dopo qualche minuto mettiamo il sale e alla fine l’olio. Se l’impasto dovesse risultare troppo asciutto, aggiungiamo altri 10-20 g di acqua o latte.

Impastiamo bene, copriamo e lasciamo fare una prima lievitazione fino al raddoppio. Sgonfiamo delicatamente e dividiamo a pezzi da 50-55 g (o se preferiamo un pochino più grossi – 65 o 80 g).

Formiamo delle belle palline lisce, buchiamo al centro con il dito e allarghiamo il buco a 2-3 cm di diametro. Mettiamo su carta forno, copriamo e lasciamo riposare per 10-15 minuti.
Mettiamo sul fuoco una pentola con l’acqua e il glucosio e portiamo a leggero bollore.

Tuffiamo dentro 2-3 bagels alla volta, facciamo bollire 2 minuti per lato e tiriamo fuori su un canovaccio umido. Trasferiamo sulla teglia con carta forno e mentre sono ancora umidi e appiccicosi li cospargiamo con i semi (o possiamo anche lasciarli al naturale).

 

Lasciamo per altri 10-15 minuti e dopo inforniamo a 200 g per i primi 5-6 minuti, poi abbassiamo a 160-170°C gradi e portiamo a cottura (altri 15-20 minuti).

Print
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *