Apple pie ovvero la torta di nonna Papera

Le torte di mele  per me sono il confort food dolce per eccellenza sopratutto in questo periodo dell’anno!

Ottobre con le sue giornate ventose e gli scrosci di pioggia, l’odore di terra bagnata e delle caldarroste all’angolo delle strade , in questa atmosfera un senso di raccoglimento mi pervade dopo un’estate di mare, gite, viaggi, di serate e nottate infinite e di chiari di luna .

Ed in questo raccoglimento autunnale torno a casa bagnata e stanca, ma ho voglia di sentire nell’aria il profumo di  di buono, di vaniglia, di spezie, voglia di qualcosa  che mi regali momenti di golosità e di quiete ed in questi casi una torta di mele  mette a posto tutto e mentre la preparo e mescolo le mele con la cannella già sono serena e mi immagino acciambellata sul divano con una fetta dopocena.

Oggi però non la solita torta di mele , ma un Apple pie con la sua cupola alta che raccoglie le mele avvolte dalla cannella, dove  zucchero di canna si scioglie con il succo  aspro del limone  a spezzare il dolce e per chi osa un cucchiaino di zenzero, io ho evitato non mi entusiasma, ma l’autrice della ricetta lo suggerisce , voi fate un pò come vi pare assecondando i vostri gusti.

In questa torta c’è una piccola novità a legare gli ingredienti due cucchiai di farina che avvolgono il tutto creando una cremina che unisce i sapori, dettagli che fanno la differenza!

La ricetta è tratta da https://www.tavolartegusto.it/ricetta/apple-pie-la-ricetta-originale-americana/, vedendo le immagini pubblicate mi sono proprio innamorata poi depressa nel vedere le mie, ma insomma è buio, la luce è artificiale, non ho set fotografici, non ho collaboratori geniali e ci dobbiamo accontentare di foto casalinghe, del resto il mio è un blog da strapazzo!

Se c’è una cosa che non mi appartiene in cucina è la fedeltà, ma solo in cucina però, perché mi piace cambiare, spaziare, apprezzare nuovi blog, testare sempre novità e proposte, mi faccio incantare dalle immagini che scorrono, dalle immagini che cerco curiosa su Istrangram e mi innamoro e provo e cambio .Qualche volta è un amore effimero che non arriva al secondo assaggio, altri sono amori destinati a durare per l’intera torta e a farmi pronunciare promesse come” ti rifarò”, ma non è neanche detto, troppi stimoli, promesse da marinaio!

Oggi è il turno di questa Apple pie, la dovevo stendere più sottile, unica pecca e colpa mia, ma decisamente squisita, me ne sono innamorata, vero colpo di fulmine , poi vuoi mettere i ricordi che suscita? Questa torta in particolare ogni volta mi riporta alla mia infanzia , allo sfogliare i giornaletti di Topolino, mi riporta a casa di nonna Papera con la sua torta sul davanzale che veniva quasi sempre rubata …beati Qui , Quo e Qua, avrei voluto essere sua nipote o la ladra della torta, in entrambi i casi quell’immagine che era anche la copertina del manuale di Nonna Papera è sempre stata  per me bambina golosa un’immagine che suscitava invidia, golosità e l’incredibile voglia di torta di meleche ho appagato negli anni .

Apple pie se ne sono succedute tante nella mia vita, ma credo che quella  fumante e gonfia di Nonna Papera sia imbattibile nella memoria e nei mie ricordi, figuratevi che ricordo il sapore !

Print Recipe
Apple pie ovvero la torta di nonna Papera
La Apple pie con la sua cupoletta gonfia ed appetitosa che la contraddistingue tra tutte le altre torte di mele ha per me un fascino particolare perché mi riaccompagna nella mia infanzia quando sfogliando i giornaletti mi soffermavo golosa sulla vignetta di quella torta poggia sul davanzale in attesa d'essere rubata .L'ho desiderata come poche cose al mondo, beati Qui, Quo e Qua !! Ottima calda con all'interno mele, cannella, zucchero, burro e limone contiene un accorgimento in più che amalgama ed unisce i sapori, leggete la ricetta e scoprite cosa!
Tempo di preparazione 3 ore circa
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 2 ore
Porzioni
8 porzioni
Tempo di preparazione 3 ore circa
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 2 ore
Porzioni
8 porzioni
Istruzioni
PROCEDIMENTO PLANETARIA
  1. Inserire in planetaria il burro freddo con la farina, il sale, lo zucchero e sabbiare, unire con la foglia in movimento l'acqua ghiacciata ed impastare brevemente . Raccogliere l'impasto rifinirlo leggermente e porre in frigo per circa 30 minuti.
  2. Lavare, sbucciare e tagliare le mele a dadini e inserire in una ciotola, grattugiarne mezzo limone, poi irrorare con il succo. Unire lo zucchero, la cannella, se piace lo zenzero ed in ultimo il burro sciolto ,ma freddo e far macerare per circa trenta minuti.
  3. Prelevare l'impasto e dividere in due, allargare spolverando il panetto con un velo di farina con il matterello poggiando sopra la teglia per la misura.
  4. La teglia da usare preferibilmente è svasata e smerlata da cm 24
  5. Poggiare la basa su carta forno in teglia e bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta.
  6. Disporre le mele al centro formando la cupoletta che contraddistingue questo tipico dolce.
  7. Ricoprire con l'atra parte e pigiare le due sfoglie con il dito da creare un cerchio a delimitare la cupola .Ora smerlare il bordo, anche questa una tipicità della torta.
  8. Pizzicare tra pollice ed indice il bordo ripassando una seconda volta e lasciare n frigo per almeno un'ora se vogliamo mantenere questo bordo. Con una lama incidere il centro creando degli spicchio partire dal centro. Spennellare con tuorlo ed un cucchiaio di latte, spolverare con zucchero semolato. Passaggio che ho dimenticato, ma vi suggerisco caldamente.
  9. Accendere il forno a 200° statico ed infornare per circa trenta minuti.
Procedimento BIMBY
  1. Inserire nel boccale il burro freddo , la farina, il sale e lo zucchero 10 sec. del 6. Inserire dal for pian piano l'acqua a mod. spiga 40 sec Raccogliere l'impasto, compattare e conservare in frigo per almeno trenta minuti.
SUGGERIMENTI
  1. Per realizzare una Apple pie perfetta dobbiamo scegliere per la preparazione le mele perfette ed in particolare si consigliano le Grammy Smith ovvero le mele verdi che hanno notoriamente una polpa asciutta e croccante.Da evitare assolutamente quelle qualità farinose o morbide e le mele nel dolce devono essere uguali, quindi no al riciclo di ciò che abbiamo in frigo!Se abbiamo il dubbio possano essere acquose tagliare a tocchetti e lasciare su un canovaccio pulito ed asciutto in modo che possa assorbire l'eccesso di liquidi.
  2. Indispensabili le soste in frigo per ottenere la giusta consistenza e la tenuta della forma e dello smerlo del bordo in particolare. Detto questo non mi resta che augurarvi una buona riuscita della torta!

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *